Fitness Life

Passo dopo passo, puoi scalare la montagna...


A tutta musica!

A tutta musica!


Posted By on Ott 28, 2015

gae-wDg1U40XbLl6DCSZdQVw8ea_J4oExYeKSMNC6gs

Il fatto che dal 2007 sia stato vietato l’uso di lettori mp3 durante la maratona di New York è oramai cosa nota ai più, è il motivo è che la musica può davvero aiutarci in momenti di sconforto o di stress sia fisico che mentale.

Il divieto in questione è a mio parere una esagerazione, ma non è di questo che volevo parlarvi bensì, del lasciarsi trascinare oltre dalle nostre motivazioni, dalla nostra pregressa preparazione, anche dal potere stimolante che ha della buona musica nelle orecchie.

Con buona musica intendo quella se saprà tirar fuori la grinta che avete dentro,

che vi aiuterà a spingere forte nell’ultima serie e che non dovrà essere per forza un metal pesante o un rock duro anche se sono i più gettonati, è indispensabile che accenda in voi la scintilla. Se una canzone di Venditti scatena ricordi rabbiosi per una storia d’amore finita… va bene pure quella, basta che non induca all’effetto opposto e vi mettiate a piangere durante una pesante sessione di  squat.

Quindi via libera all’utilizzo di questo doping dagli effetti salutari e senza controindicazioni creando una compilation ad hoc che aggiorneremo a piacimento.

Se posso consigliarvi qualche brano da spararsi nelle orecchie con il bilanciere in mano io vi suggerirei questi (forse scontati ma di gran effetto):

  • Eminem – Lose yourself
  • AC/DC – Back in black
  • AC/DC – You shook me all night long
  •  50 Cent – In da club
  •  Sex Pistols – God save the queen
  • Red hot chili peppers – Give it away
  • Nirvana – Smells like teen spirit
  • Blink 182 – All the small things
  • Survivor – Eye of the tiger
  • Black Sabbath – Paranoid
  • Metallica – Enter Sandman

Come avrete capito non ho più 20 anni… ma queste le potete apprezzare a qualsiasi età e di sicuro sapranno darvi la giusta carica.

Qualunque titolo decidiate di mettere nella vostra personale playlist – palestra, l’importante è darci dentro! 

Read More
Primo giorno di scuola

Primo giorno di scuola


Posted By on Ott 28, 2015

I0-W67OTADbiV55iHNDEUd98zPEVkdPtjADAfXDz86g,QKSYX670TZGIdg_Rnl_KgwZTTqOgR0U3dTzrZ-hRp-o

 

Primo giorno di scuola

La campanella dentro di voi è già suonata, quella che vi ha dato la spinta a informarvi, trovare una buona palestra o centro sportivo e infine ad iscrivervi oppure anche solo cercare un buon percorso da fare di corsa con le vostre nuove e fiammanti scarpe da running.

In qualunque modo abbiate deciso di dare una “raddrizzata” al vostro fisico e al vostro umore, in quanto principianti avrete bisogno di un elemento fondamentale: una guida.

Dovrà essere il faro al quale fare riferimento nei vostri momenti di difficoltà dovuti inizialmente all’inesperienza, e nel proseguo del vostro cammino, allo sconforto che in certi momenti prende tutti per motivi vari (ad esempio difficoltà nell’ottenere risultati sperati).

Io da qui farò del mio meglio nel darvi delle dritte e venirvi in aiuto ma è comunque necessario che abbiate qualcuno sul campo che vi istruisca soprattutto, e sottolineo soprattutto, ad eseguire l’attività nel modo corretto al fine di evitare di incorrere in traumi fisici.

Sì, perché in questo campo se fate movimenti errati e magari protratti nel tempo andrete seriamente incontro al rischio di danneggiarvi e questo va totalmente nella direzione opposta ai nostri obbiettivi.

Quindi a meno che non siate un famoso attore che si può permettere un personal trainer 24h su 24h, concentrate tutta la vostra attenzione sull’istruttore che in ogni palestra dovrebbe essere presente e rompetegli le scatole perché risolva ogni vostro dubbio.

Ascoltate, memorizzate, se non avete capito chiedete di rispiegare…è meglio passare per “rinco” che ripeto farsi male. Annotate nella vostra mente i movimenti e le posizioni corrette per svolgere gli esercizi, a volte vi sembreranno ridicole ma servono a salvaguardare muscoli e tendini. Un comportamento umile è indispensabile almeno in questa fase iniziale (anche se non è nella vostra indole).

In un ambiente dove tutto è novità, compresa la parte pratica, avrete necessità di continue informazioni che farete più fatica ad ottenere se vi dimostrerete antipatici. Quindi amiconi di tutti o quasi e “rubate” quanta più conoscenza possibile. Se starete con le antenne dritte non ci vorrà molto per ingranare e prendere la vostra giusta strada.

Forza divertitevi e puntate dritti verso il vostro obbiettivo.

Read More

_vhzyWCANBIAQGQMR9J8TJtDlxZxmjHLVeHTitAdqGo

 

Ciao ragazzi, ciao ragazze,

apro questo blog con l’intento di trasmettere passione, emozioni e conoscenza per una pratica sportiva e “spirituale” che riguarda il mondo della palestra intesa come fitness e come bodybuilding.

Non è mia intenzione guidarvi nei meandri più oscuri dei tecnicismi legati ad esempio allo sviluppo del più piccolo muscolo del polpaccio ma vorrei piuttosto accompagnarvi e farmi accompagnare con le mie e vostre esperienze nelle gioie e dolori (vedremo poi quali) che questa pratica può trasmetterci.

Ho deciso mi iscrivo in palestra? Oppure no… 

Come in molte situazioni della vita quando si decide di iniziare un percorso nuovo: professionale, sentimentale o come in questo caso sportivo, i dubbi e i timori ci sono, a volte piccoli a volte grossi e variano dal carattere, dal momento ma soprattutto dalla nostra testa. Vai a pensare che con questo fisico mi vergogno, cosa mi iscrivo a fare se poi non mi piace se non avrò tempo, costanza, bla bla bla…

Paturnie che la nostra testa crea come sistema di difesa ma che non è altro un limite ad un miglioramento. Una nuova  esperienza sapremo se sarà stata bella o brutta solo dopo averla intrapresa e in questo caso se fatta con lo spirito giusto potrà solo darci benefici.

Dai basta via proviamo! 

Diversi anni fa decisi di varcare per la prima volta la soglia di quel mondo che non conoscevo assolutamente e nel quale vedevo aggirarsi si i “comuni mortali” ma anche esseri mitologici in perfetta forma fisica che emanavano un’aura che incuteva timore reverenziale. Così nelle prime giornate il mio pensiero fisso era: “Ma io che ci faccio qua?”.

Così dopo i primi giorni di ambientamento, lo smarrimento lascia spazio all’obbiettivo che ognuno di noi ha: migliorarsi! 

E il miglioramento arriverà…  statene certi, mente più leggera e muscoli più forti.

Ora vi saluto e vi aspetto al prossimo post,  vado ad allenarmi.

Ciao

Read More